Navigation

Dati Swisscom confermano, svizzeri si muovono meno

Le autorità vogliono che le piazze siano vuote. KEYSTONE/LAURENT GILLIERON sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 27 marzo 2020 - 19:47
(Keystone-ATS)

La popolazione Svizzera ha nettamente ridotto gli spostamenti e il Ticino è il cantone in cui questo fenomeno è maggiore.

Lo indica Swisscom, che su richiesta delle autorità federali sta monitorando l'attività degli utenti per determinare l'osservanza del divieto di assembramenti di oltre 5 persone deciso il 21 marzo dal Consiglio federale.

Calcolato in base ai chilometri percorsi emerge un calo dei movimenti - in confronto a un tipico mese precedente - di circa il 50%, ha indicato in serata l'operatore telecom. Swisscom sottolinea che all'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) non vengono forniti i dati diretti su dove si trovino i singoli telefoni, bensì statistiche e altre visualizzazioni delle informazioni.

"Ciò significa che non si possono trarre informazioni su individui o tracciare profili di movimento individuali", si legge in un comunicato "Le disposizioni della legge sulla protezione dei dati e i principi etici che Swisscom segue nell'utilizzo dei dati sono pienamente rispettati".

Non appena l'ordinanza Covid 19 non sarà più in vigore non verranno più forniti dati all'UFSP, promette la società che è controllata a maggioranza (51%) dalla Confederazione.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.