Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Ad appena tre giorni dal G7, nuova escalation degli Usa contro l'Ue, in quella che si profila sempre di più come una vera e propria guerra commerciale.

Questa volta a finire nel mirino americano sono le olive nere spagnole e, con loro, l'intero sistema degli aiuti agricoli della Pac, la politica agricola comune Ue. Un precedente che mette a rischio, quindi, tutti i prodotti agroalimentari europei che ne beneficiano e che vengono esportati negli Stati Uniti.

Una "misura protezionista" e "ingiustificata" che è "semplicemente inaccettabile", ha tuonato la Commissione Ue, definendo i nuovi dazi Usa che arrivano sino al 45,48% come "irragionevolmente elevati e proibitivi".

Il Dipartimento del Commercio americano, che ha aperto il caso sulle olive nere spagnole di tipo 'californiano' lo scorso autunno imponendo già dazi provvisori del 21,26%, è ora giunto al termine della sua procedura, decidendo di renderli definitivi e alzarli fino a quasi il 50%. L'accusa è che i loro produttori facciano dumping e beneficino di sussidi illegali.

Piccolo particolare: si tratta dei normalissimi aiuti agricoli Ue, per altro disaccoppiati dalla produzione. E che rientrano da sempre nella 'Green box' del Wto, sistema che include tutti i trasferimenti pubblici al settore agricolo che non distorcono gli scambi commerciali.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS