Navigation

DDPS: ospedali devono annunciare numero letti nelle cure intensive

Ospedali e cliniche devono annunciare da oggi quanti posti letto hanno a disposizione nei reparti di cure intensive per persone affette da coronavirus KEYSTONE/AP/Ted S. Warren sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 13 marzo 2020 - 12:19
(Keystone-ATS)

Da oggi, gli ospedali e le cliniche devono annunciare il numero di letti disponibili nelle cure intensive per i pazienti affetti da coronavirus.

Il Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e dello sport (DDPS) ha istituito un nuovo sistema di notifica.

I nosocomi sono tenuti ad annunciare tutti i posti in isolamento, terapia intensiva e di quanti ventilatori artificiali dispongono, ha indicato il DDPS sul suo sito Internet.

Stando alla Società svizzera di medicina intensiva, la Svizzera dispone attualmente di 82 unità di cure intensive riconosciute e tra 950 e 1000 letti, di cui 800-850 sono equipaggiati di ventilatori artificiali. Inoltre dai 400 ai 450 letti sono pure disponibili in unità di monitoraggio.

Il DDPS ha peraltro informato per iscritto le cliniche che dovevano aumentare la loro capacità. Suggerisce di rimandare operazioni non vitali, di spostare pazienti più rapidamente in riabilitazione o di lasciarli rientrare a casa più velocemente.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.