Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Una delegazione iraniana di alto livello è da oggi in Svizzera e vi rimarrà fino a domani per approfondire le relazioni bilaterali, dopo la cosiddetta "road map" siglata in febbraio dal presidente della Confederazione e dal presidente iraniano.

Le quattro piattaforme negoziali, in parte condotte parallelamente, sono dedicate a questioni politiche, giudiziarie, di diritti umani e di sicurezza regionale, rende noto in un comunicato il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE).

Nell'ambito di una visita di cortesia, il consigliere federale Didier Burkhalter ha ricevuto la delegazione iraniana e il viceministro degli esteri Majid Takht-Ravanchi.

Le consultazioni politiche sono state presiedute dal segretario di Stato del DFAE Yves Rossier e da Takht-Ravanchi. Prevedevano una sezione bilaterale, durante la quale è stato presentato un bilancio intermedio sull'attuazione della road map.

Le delegazioni hanno inoltre discusso di temi multilaterali e di sicurezza regionale, in particolare dei focolai di crisi in Medio Oriente. I colloqui hanno rappresentato, per entrambe le parti, l'occasione per un "confronto aperto, costruttivo e critico su questioni che la Svizzera giudica prioritarie", scrive il DFAE.

Yves Rossier ha pure svolto consultazioni sui diritti umani. Le delegazioni hanno avuto uno scambio aperto e costruttivo su diversi argomenti come la pena di morte, la libertà d'espressione, business e diritti umani.

I colloqui di domani verteranno su questioni connesse all'esecuzione delle pene. In seguito, le delegazioni si recheranno in visita al penitenziario regionale di Burgdorf (BE).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS