Navigation

Delitto di Peseux: imputato condannato a 13 anni

Questo contenuto è stato pubblicato il 23 novembre 2011 - 19:10
(Keystone-ATS)

Il giovane accusato di aver pugnalato la sua ex ragazza 19enne il novembre scorso a Peseux (NE) è stato condannato a 13 anni di reclusione per omicidio intenzionale. Lo ha deciso il Tribunale distrettuale di Litorale e Val-de-Travers, con sede a Neuchâtel, dopo un processo durato due giorni.

Il Ministero pubblico aveva chiesto la condanna massima di 22 anni, mentre il legale della parte lesa aveva chiesto una pena fra i 10 e i 15 anni, ricordando che la famiglia della vittima esigeva giustizia senza spirito di vendetta.

Quest'ultima tesi è stata accolta anche dall'avvocato difensore, che ha inoltre sostenuto che non si poteva escludere un disturbo della personalità dell'imputato, accentuato dalla delusione amorosa.

Il dramma risale al 24 novembre 2010. Il ragazzo, che ha ammesso i fatti durante l'istruttoria, si è recato al domicilio dell'ex amica, che lo aveva lasciato due settimane prima, armato di coltello e l'avrebbe colpita a più riprese. È stato arrestato 24 ore dopo a Grenchen (SO), al domicilio di un amico.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?