Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Oggi non mi scuserei più, sono stata vittima di una "perfida campagna mediatica" e voglio tornare al Nazionale.

Dopo aver fatto parlare di sé perché rivelatasi una multimilionaria dal reddito zero la consigliera nazionale socialista bernese Margret Kiener Nellen passa oggi al contrattacco, accusa la "Weltwoche" di essersi prestata a una campagna negativa nei suoi confronti e punta alla riconferma del mandato in parlamento.

"Saranno le elezioni di ottobre a dire se la mia credibilità è stata distrutta", afferma Kiener Nellen in un'intervista pubblicata oggi dalla "Berner Zeitung". Nel novembre scorso la deputata era finita nella bufera: personalità da anni attiva contro il segreto bancario e i privilegi tributari di globalisti e super-ricchi, era stata al centro di un caso che i critici definiscono di ottimizzazione fiscale, cosa che però l'interessata contesta.

Il versamento di 400'000 franchi alla cassa pensione da parte del marito, l'imprenditore Alfred Nellen, non è stato fatto per motivi fiscali, bensì per coprire una lacuna dovuta a un soggiorno all'estero, ha spiegato. "L'imposta sul reddito viene posticipata sino all'ottenimento della rendita e sicuramente non viene risparmiata", sostiene la consigliera nazionale.

Il testo della "Weltwoche" - afferma - è stato pubblicato nella settimana in cui i votanti ricevevano le schede per l'iniziativa per l'abolizione dell'imposizione forfettaria. "L'articolo era parte di una campagna di pubbliche relazioni pianificata e milionaria", sostiene Kiener Nellen, aggiungendo che il marito ha fatto quello che viene consigliato dall'autorità fiscale bernese.

Perché allora scusarsi il giorno dopo la pubblicazione della notizia? "Volevo creare rapidamente una situazione di trasparenza", risponde la deputata. "Oggi non mi scuserei più. Respingerei le accuse. Direi che mio marito ha fatto esattamente ciò che esplicitamente raccomanda il legislatore".

Riguardo al patrimonio di 12 milioni di franchi, Kiener Nellen parla di informazioni distorta. Scaturisce dal "valore teorico" delle azioni dell'impresa del marito calcolato dal fisco, spiega.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS