Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Milano è in prima posizione al mondo per il costo medio di un weekend in città (2.092 dollari), seguita da Copenaghen, Zurigo, Londra, Stoccolma, Vienna e New York. Ed è anche la città con il costo medio più alto al mondo per un albergo a 5 stelle (716 dollari).

Emerge da una ricerca Deutsche Bank, il sesto studio sui prezzi globali rilevati in 47 città di diversi Paesi del mondo. Sono presi in analisi diversi fattori - spiega una nota -: dal salario medio al costo di una cena, dal prezzo del gas a litro all'affitto medio mensile di un appartamento con due camere fino all'inquinamento e all'assistenza sanitaria. Oltre a indici come quelli della criminalità e il potere d'acquisto.

Wellington, Nuova Zelanda, è la città dove la qualità di vita e più alta, seguita da Edimburgo, Vienna, Melbourne, Zurigo e Copenaghen. Le metropoli si trovano più giù: Tokyo è ventisettesima, poi New York (28), Milano (29), Parigi (30), Londra (33), Shanghai (37), Mumbai (45).

Milano è in prima posizione per il costo medio di un weekend in città seguita da Copenaghen, Zurigo, Londra, Stoccolma, Vienna e New York. "Mentre - indica ancora lo studio di Deutsche Bank - avere un appuntamento romantico con una cena a due è più costoso a Zurigo con una media di 73 dollari, contro i 38,6 milanesi.

A conferma che Zurigo rimane una delle città più costose per la gran parte dei beni di consumo, ma ha la media di salari più alta al mondo. L'affitto è più caro a San Francisco, dove un appartamento con due camere da letto costa in media 3.449 dollari.

In generale, inoltre, le città americane stanno diventando più costose ma i brand globali sono meno costosi rispetto che in altri mercati sviluppati. Sigarette e birra sono più costose invece in Australia, Nuova Zelanda e Singapore".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS