Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Svizzera dovrebbe autorizzare le coppie che rischiano di trasmettere una malattia grave a un figlio di ricorrere alla diagnostica preimpianto: la Commissione della scienza, dell'educazione e della cultura del Consiglio nazionale (CSEC-N) ha approvato oggi con 17 voti a favore e sette astensioni il progetto in materia in una versione meno restrittiva di quella del Consiglio degli Stati, occupatosi in marzo come prima camera della revisione della legge sulla medicina della procreazione. Il dibattito al Nazionale è previsto il 3 giugno prossimo.

Nella sua seconda seduta sul tema la commissione presieduta dal consigliere nazionale Matthias Aebischer (PS/BE) ha deciso di introdurre ulteriori modifiche meno severe nella legge, indica una sua nota. Già durante la sua prima seduta aveva permesso lo screening dei cromosomi nel caso di coppie la cui infertilità è riconducibile a ragioni genetiche, per cui tutti gli embrioni generati in vitro possono essere esaminati quanto alle anomalie cromosomiche.

Oggi con 13 voti contro 11 e un'astensione la commissione ha proposto di autorizzare la selezione dei cosiddetti "bambini salvatori" (o "salvavita"), ossia la selezione di embrioni in grado di fare in seguito un dono di cellule staminali a un fratello o a una sorella malati. Una minoranza intende contrastare questa proposta alla Camera.

La possibilità di concepire "bambini salvatori" renderebbe necessaria una modifica dell'articolo 119 della Costituzione federale, che è stata approvata con 13 voti contro 2 e 6 astensioni.

D'altro canto - prosegue la nota - è sorto un dibattito sulle regole dei tre e degli otto embrioni. Il disegno di legge prevede che possano essere sviluppati al massimo tre embrioni fuori dal corpo della donna se il patrimonio genetico non è esaminato e al massimo otto se il patrimonio genetico è esaminato. La CSEC-N propone con 17 voti contro 7 di abrogare questo principio. Essa vorrebbe consentire lo sviluppo di tanti embrioni quanti sono necessari alla procreazione o all'esame del patrimonio genetico.

SDA-ATS