Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il presidente dell'OSCE Didier Burkhalter ha espresso stamani la sua gratitudine a tutti gli Stati che hanno lavorato per la liberazione dei dodici esperti militari trattenuti a Slaviansk, ha indicato il DFAE. Ha quindi sottolineato il ruolo cruciale svolto dalla missione di osservatori dell'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE) negli sforzi che hanno portato a questo esito felice.

La liberazione è "avvenuta senza condizioni", ha precisato il presidente della Confederazione ai microfoni della trasmissione "Forum" della radio svizzera romanda RTS.

Burkhalter - citato in una nota diffusa oggi dall'organizzazione - ritiene poi che la situazione nell'est e sud dell'Ucraina rischia rapidamente di deteriorarsi. Sforzi comuni sono necessari per ritrovare la via del dialogo, ha aggiunto.

Il consigliere federale ha confermato di essere pronto a far uso di "contatti ad alto livello" per arrivare a far applicare sul terreno l'accordo di Ginevra. Ritiene poi che si dovrebbero anche discutere ulteriori misure per invertire la logica dell'escalation e sostenere gli sforzi dell'OSCE in vista del ripristino della sicurezza e della stabilità in Ucraina.

In questa situazione molto tesa, è particolarmente importante che tutte le parti agiscano in maniera responsabile, astenendosi da atti di violenza e cercando soluzioni per il dialogo, ha aggiunto

Il 25 aprile i filorussi avevano preso in ostaggio 12 persone, di cui 8 osservatori militari dell'Osce e quattro militari ucraini che li accompagnavano. Uno degli osservatori, quello svedese, era già stato rilasciato per motivi di salute.

SDA-ATS