Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Bisogna far rumore.

KEYSTONE/MARTIN RUETSCHI

(sda-ats)

Lo chiamano l'effetto "crunch", ossia croccante, e aiuterebbe a mangiare meno in alcuni casi facendo scendere del 30% le calorie ingerite.

Secondo uno studio della Brigham Young university e di quella del Colorado, i rumori della masticazione stessa - come 'chomp', 'munch', 'slurp', 'crunch' - sia pure poco educati a tavola, avrebbero il potere di farci mangiare meno.

L'importante - spiega la ricerca - è essere in grado di udire la propria masticazione, perché il metodo abbia effetto bisogna dunque evitare sale da pranzo rumorose.

Per analizzare l'ipotesi, gli studiosi hanno dato ad un gruppo di 75 volontari manciate di 'pretzels', ossia crackers, da mangiare. I partecipanti indossavano cuffie auricolari in cui venivano trasmessi suoni più o meno delicati: chi era esposto a suoni più forti e quindi non poteva sentire il proprio masticare, ha mangiato il 45% in più di pretzels.

"Ascoltare se stessi mentre si mastica, serve come segnale di monitoraggio interno del proprio consumo di cibo, è lo stesso che vedere nel proprio piatto i resti di quanto pollo si e' appena mangiato", sostiene l'autore dello studio, Ryan S. Elder, assistente professore alla Brigham Young University.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS