Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BERNA - Dopo le dimissioni annunciate da Hans-Rudolf Merz, alcuni possibili "papabili" hanno subito detto di non essere candidati alla successione del ministro delle finanze.
Tra coloro che hanno detto di "no" vi è la consigliera di Stato ticinese, ed ex consigliera nazionale, Laura Sadis: non è disponibile, ha detto all'ATS uno suo collaboratore personale.
Un chiaro diniego è venuto pure dalla consigliera agli Stati argoviese Christine Egerszegi, che ha indicato nel consigliere nazionale bernese Johann Schneider-Ammann il suo candidato favorito.
Anche il consigliere di Stato solettese Christian Wanner, presidente delle Conferenza dei direttori cantonali delle finanze, ha affermato di non essere interessato. "Fossi stato dieci anni più giovane ci avrei pensato".
Possibilista si è invece detta la consigliera di stato glaronese Marianne Dürst, sollecitata dalla sezione femminile del PLR. "Mi riservo una fase di riflessione", ha detto. Anche la consigliera di Stato sangallese Karin Keller-Sutter non ha svelato le proprie carte: "nei prossimi giorni rifletterò a una possibile candidatura".
C'è però chi è pronto a scendere in campo, come ad esempio il consigliere nazionale di Basilea Città Peter Malama: si tratta di un compito gigantesco che richiede molta responsabilità, ma "sono interessato", ha detto il deputato renano.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS