Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

I direttori degli ospedali svizzeri si oppongono alla proposta di cassa malati unica, che sarà in votazione il 28 settembre prossimo. Essi hanno formato oggi a Küsnacht (ZH) un comitato contro l'iniziativa popolare che, secondo loro, ostacolerà la libera scelta di medici e ospedali attraverso l'eliminazione della concorrenza.

Questa "dominazione dello Stato" eliminerà la possibilità di scegliere liberamente la propria assicurazione malattia. Il comitato, costituito in particolare da direttori di ospedali privati, fa dunque appello a rispettare il principio: "tanta concorrenza quanta possibile, tanto Stato quanto necessario".

L'intromissione dei poteri pubblici aumenterà e farà perdere ai nosocomi la loro libertà d'esercizio. Libertà indispensabile per affrontare le sfide future per all'approvvigionamento medico della popolazione.

Il sistema attuale non è certo "perfetto". È necessario "ottimizzarlo ed eliminare le lacune esistenti", scrive il comitato.

SDA-ATS