Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il 63% dei 114 direttori delle finanze (CFO) svizzeri interrogati dalla società di consulenza Deloitte si dice ottimista riguardo all'andamento dell'economia elvetica nei prossimi dodici mesi. Nel secondo trimestre era di questo avviso il 56%, mentre nel terzo trimestre dell'anno scorso era solo il 26%.

Solo il 5% (15% tra aprile e giugno) prospetta una recessione nei prossimi due anni, si legge in una nota odierna. Sul campione interrogato, circa un terzo dei CFO rappresenta società quotate in Borsa, il resto aziende private.

Per la prima volta dal 2011 il numero dei responsabili delle finanze che prevede un miglioramento dei margini di redditività supera quello di chi pronostica un peggioramento nei dodici mesi a venire. Inoltre il 48% (31% nel trimestre precedente) degli interpellati si attende un aumento degli investimenti.

Altro segnale positivo: il 39% dei CFO (36% nel secondo trimestre) ha dichiarato di essere disposto ad assumersi rischi più elevati per sostenere la crescita. D'altro canto più della metà considera che i costi salariali e quelli di capitale rappresentino un rischio.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS