Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La sede del Tribunale amministrativo federale di San Gallo

KEYSTONE/GAETAN BALLY

(sda-ats)

I figli delle due mogli di un siriano di religione yazidica hanno tutti diritto a coltivare una vita famigliare con il padre. Lo ha deciso il Tribunale amministrativo federale (TAF), dando più importanza al benessere dei bambini che al divieto della poligamia.

In seguito alla richiesta di asilo inoltrata in Svizzera nel 2012, i due rami della famiglia erano stati assegnati a due cantoni diversi, distanti quasi quattro ore con i mezzi di trasporto pubblici. L'uomo passava la maggioranza del tempo con la moglie "ufficiale", e diversi giorni al mese con la seconda moglie.

Nonostante un test del DNA che dimostrasse la paternità dell'uomo per tutti i figli, la Segreteria di Stato per la migrazione (SEM) aveva respinto una richiesta di cambio di cantone per non avallare la bigamia, che in Svizzera è vietata. Inoltre, nonostante la distanza, il padre è considerato dalla SEM in grado di mantenere regolarmente contatti con tutti i bimbi.

Il TAF, con una sentenza pubblicata oggi, ha ribaltato la decisione della SEM. Il Tribunale sangallese concorda col fatto che la poligamia, anche se iniziata legalmente in un'altra nazione, non possa essere accettata in Svizzera. Nel caso specifico però, trattandosi di persone che praticano l'endogamia, ovvero che contraggono matrimonio solo all'interno dello stesso gruppo di appartenenza (in questo caso i praticanti della religione yazidica), l'ordine pubblico non viene messo in pericolo.

Per questa ragione, l'interesse pubblico non gioca un ruolo predominante, ed è possibile far prevalere l'interesse dei figli piuttosto che il divieto della poligamia. Inoltre, il divieto di cambiare cantone non modifica la loro situazione famigliare.

Secondo il TAF poi, la sentenza della SEM non ha tenuto sufficientemente conto del fatto che la seconda moglie soffre di una malattia che l'ha obbligata al ricovero. A seguito di questo fatto è il padre che si occupa per la maggior parte del tempo dei bambini. Anche la prima famiglia necessita del suo sostegno, visto che ha perso un figlio in un incidente di treno.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS