Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Sono oltre 90mila le richieste di rimozione link ritenuti "inadeguati o non più pertinenti" arrivate a Google dagli utenti. Il colosso dei motori di ricerca ne ha approvate la metà. Sono le cifre aggiornate a più di due mesi dalla sentenza della Corte di Giustizia europea che ha sancito il diritto all'oblio.

Il gruppo di lavoro dei Garanti Privacy europei, riunitosi a Bruxelles, ha incontrato i rappresentanti dei motori di ricerca. I Garanti - secondo quanto riporta Reuters - avrebbero chiesto a Google spiegazioni sul perché stia rimuovendo i link solo dalla versione europea del motore di ricerca. Chiesti chiarimenti anche sulle notifiche che la società invia una volta eliminati i link.

Oltre a rappresentanti di Google, al tavolo dei Garanti Privacy Ue erano presenti anche Microsoft per il motore di ricerca Bing e Yahoo!. Bing di recente ha messo a disposizione degli utenti, analogamente a Google, un modulo da compilare online per inoltrare la richiesta di rimozione dei link.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS