Navigation

Disney+ hackerata a poche ore dal lancio, profili in vendita

Esordio da dimenticare per la piattaforma. KEYSTONE/EPA/CHRISTIAN MONTERROSA sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 18 novembre 2019 - 14:04
(Keystone-ATS)

Già hackerati e in vendita migliaia di account di Disney+, la piattaforma di streaming video lanciata la scorsa settimana negli Stati Uniti, in Canada e nei Paesi Bassi.

Secondo il sito ZdNet, i profili violati sono in vendita sul dark web per cifre che vanno dai 3 agli 11 dollari.

La piattaforma è stata lanciata il 12 novembre e nelle prime ore ha raccolto oltre 10 milioni di abbonati ma, al momento dell'avvio, ci sono stati diversi problemi tecnici. Molti utenti hanno lamentato di non poter usufruire dello streaming dei loro film o show televisivi preferiti.

Nel flusso delle lamentele per problemi di streaming c'era anche un gruppo di utenti che reclamava di non poter accedere al proprio profilo. Questo perché gli hacker li avevano buttati fuori dagli account, cambiando le credenziali e bloccando di fatto i legittimi proprietari.

La velocità con cui gli hacker si sono mobilitati per monetizzare gli account Disney+ è sorprendente, fa notare il sito ZdNet. I profili sono stati messi in vendita su un forum di hacking entro poche ore dal lancio del servizio, con annunci che offrono accesso a migliaia di credenziali. I prezzi - riporta il sito - variano dai 3 agli 11 dollari, cifra maggiore al costo di un abbonamento legale a Disney+, che si aggira sui 7 dollari.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.