Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La disoccupazione sale a gennaio al 3,7%

KEYSTONE/PETER KLAUNZER

(sda-ats)

La disoccupazione in Svizzera è salita a gennaio al 3,7%, rispetto al 3,5% di dicembre. Lo afferma stamane la Segreteria di stato dell'economia (SECO).

A fine gennaio, afferma un comunicato, erano iscritti presso gli Uffici regionali di collocamento 164'466 disoccupati, 5'094 in più rispetto al mese precedente e 822 in più rispetto a gennaio 2016.

Tra i giovani (15-24 anni) il numero dei senza lavoro è aumentato di 566 unità (+2,9%) arrivando a un totale di 19'782, ciò che comunque corrisponde a 1'398 persone in meno (-6,6%) rispetto a 12 mesi fa. Complessivamente le persone in cerca d'impiego registrate erano 226’861 (+3’448 rispetto a dicembre e +4’110 rispetto a gennaio 2016).

In Ticino il tasso di disoccupazione è salito al 4% (+0,1 punti rispetto a dicembre), mentre nei Grigioni è rimasto fermo all'1,9%. La più altra proporzione di senza lavoro si riscontra a Neuchâtel (6,6%, +0,3 punti), davanti a Ginevra (5,7%, +0,2), Giura (5,3%, +0,2), Vaud (5,2%, +0,2) e Vallese (5,2%, +0,1). I valori più bassi vengono fatti segnare da Obvaldo (1%, invariato), Nidvaldo (1,3%, invariato), Appenzello interno (1,4%, invariato) e Uri (1,5%, +0,2).

Per regioni la disoccupazione nella Svizzera tedesca si è fermata al 3,1%, dato invariato rispetto a dicembre, mentre nell'area comprendente la Svizzera romanda e il Ticino è salita dal 4,8% al 5,0%. La SECO indica inoltre che tra le donne il tasso di senza lavoro era a gennaio del 3,2% (invariato rispetto a dicembre) e tra gli uomini del 4,0% (+0,2 punti).

Tra gli svizzeri il tasso si è attestato a gennaio al 2,5%, invariato rispetto al mese precedente, mentre tra gli stranieri è aumentato dal 6,6% al 6,9%. La SECO fornisce anche i dati per fascia d'età: 3,6% (+0,1) nella fascia 15-24 anni; 3,9% (+0,1) nella fascia 25-49 anni e 3,1% (+0,1) tra gli ultracinquantenni.

La SECO ha pubblicato anche i dati relativi al lavoro ridotto, che si riferiscono però a novembre 2016. Il fenomeno ha interessato 6'204 persone (-255 rispetto a ottobre) e 565 aziende (-21). Il volume delle ore di lavoro perse è diminuito del 9,2%, a 338'224. Nel novembre 2015 erano state registrate 374'726 ore perse, ripartite su 6'349 persone in 611 aziende.

I dati provvisori disponibili indicano inoltre che a novembre 2016 3’399 persone hanno esaurito il diritto alle prestazioni dell'assicurazione contro la disoccupazione.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS