Navigation

Disoccupazione di lunga durata raddoppierà

Sempre più spesso all'ufficio del lavoro. KEYSTONE/GAETAN BALLY sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 31 maggio 2020 - 20:00
(Keystone-ATS)

La crisi del coronavirus porterà l'anno prossimo a un raddoppio della disoccupazione di lunga durata in Svizzera: lo afferma l'esperto del mercato del lavoro Michael Siegenthaler.

La situazione sarà problematica, "perché chi rimane senza lavoro più a lungo di un anno ha poi difficoltà a trovare un impiego", afferma lo specialista del Centro di ricerca congiunturale del Politecnico federale di Zurigo (KOF) in dichiarazioni riportate oggi dal SonntagsBlick.

Ad aumentare fortemente in aprile sono stati i giovani disoccupati (15-25enni), ma "a lungo termine la crisi colpirà tutte le fasce d'età", si dice convinto lo specialista.

Difficile sarà inoltre trovare un'occupazione ai lavoratori più anziani e a quelli con un percorso professionale complicato. "In tempi normali sarebbe possibile ricollocare tali persone, con uno sforzo appropriato", osserva Siegenthaler. "Considerato l'alto tasso di disoccupazione non è invece al momento realistico, ci mancano semplicemente le risorse".

In futuro è probabile che aumentino i posti di lavoro temporanei e i i rapporti di lavoro precari, mentre vi saranno lavoratori che si ritireranno completamente dal mercato "perché avranno perso la speranza di trovare un impiego", sottolinea l'esperto del KOF.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.