Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'interdizione di fumare nei luoghi pubblici fa regredire il numero di infarti cardiaci. In Ticino, a tre anni dall'introduzione del divieto del 2007, si è registrato un quinto in meno di infarti al miocardio particolarmente pericolosi. A Basilea Città, dove il "tabacco" è stato messo al bando solo nel 2010, il numero di casi era invece rimasto costante.

È quanto ha appurato una ricerca effettuata da una equipe diretta da Marcello Di Valentino dell'Ospedale San Giovanni in Bellinzona e presentata la scorsa settimana al congresso di Amsterdam della Società europea di cardiologia (ESC). Secondo gli specialisti, la riduzione degli infarti è da ricondurre soprattutto ad una migliore protezione dei non fumatori dall'inalazione passiva.

I ricercatori bellinzonesi hanno calcolato il numero medio di ricoveri annui - nei tre anni prima prima e dopo l'introduzione della proibizione di fumare nei luoghi pubblici - negli ospedali ticinesi dovuti ad una forma particolarmente perniciosa di infarto chiamata STEMI (ST Elevation Myocardial Infarction: infarto del miocardio con sopralivellamento del tratto ST, visibile all'elettrocardiogramma). Essi hanno poi confrontato i dati con la relativa situazione nel cantone di Basilea Città.

È risultato che in Ticino tre anni dopo l'applicazione del divieto il numero di pazienti finiti all'ospedale per il suddetto genere di infarto è regredito del 21,1%. I maggiori benefici del bando del tabacco sono stati rilevati fra le donne di oltre 65 anni. Il divieto di fumare nei luoghi pubblici - sottolinea Alessandra Porretta, autrice dello studio - ha giovato in maniera decisa e a lungo termine per ridurre l'incidenza degli STAMI.

I risultati coincidono a quelli paragonabili rilevati in altri paesi. La società tedesca di cardiologia riferisce, ad esempio, che a Brema, dopo l'introduzione delle leggi anti-fumo, negli anni 2008-2010, gli STEMI sono calati del 16% in generale, del 4% fra i fumatori e del 26% fra i fumatori passivi. Le leggi atte a ridurre il consumo di tabacco ed il fumo passivo sono quindi particolarmente raccomandate auspicabili , scrive la ESC.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS