Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'anno dell'entrata in borsa è stato positivo per DKSH: la multinazionale del commercio e dei servizi con sede a Zurigo e attiva soprattutto in Asia ha realizzato nel 2012 un utile di 184,7 milioni, un record nella storia dell'impresa e in progressione del 21% rispetto ai dodici mesi precedenti. In aumento anche il risultato operativo Ebit (+17% a 277,3 milioni), come pure il fatturato, salito del 20% a 8,83 milioni.

"Siamo fieri di quanto ottenuto nell'esercizio", afferma il numero uno Jörg Wolle, citato in un comunicato. Al risultato hanno contribuito tutte le divisioni e tutti le regioni. Il successo del gruppo ha avuto ripercussioni pure sull'impiego: a fine anno DKSH dava lavoro a quasi 26'000 persone, circa 1500 in più del 2011.

Il futuro si annuncia roseo: sulla base dell'attuale situazione di mercato l'azienda è fiduciosa di poter raggiungere nel 2013 nuovi primati, con un aumento a due cifre dell'utile operativo, ha fatto sapere Wolle. Viste le difficoltà delle economie europee e di quella americana la società punterà ulteriormente su un'espansione in Asia, dove ritiene di essere ottimamente posizionata.

I dati pubblicati oggi, in parte superiori alle attese degli analisti, sono stati bene accolti in borsa: in mattinata il titolo DKSH guadagnava a Zurigo quasi il 4%.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS