Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un maestro su dieci è a rischio di esaurimento nervoso, rileva uno studio condotto dalla città di Zurigo. Di fronte a questa realtà Docenti svizzeri (DCH), l'associazione di categoria che rappresenta gli insegnanti elvetici, ha deciso di correre ai ripari. Per proteggere e promuovere la salute dei maestri dovranno essere varate una serie di misure concrete, è stato deciso oggi a Basilea nel corso dell'assemblea generale di DCH.

Stando allo studio zurighese, in generale lo stato di salute degli insegnanti è buono, ma vi è un numero non trascurabile di allievi che frequentano lezioni tenute da insegnanti sull'orlo di un burnout. Secondo DCH si tratta sicuramente di un problema che supera i confini della città di Zurigo: pur essendo un'indagine condotta a livello locale, si può presupporre che essa presenti una radiografia piuttosto fedele di quella che è la situazione a livello nazionale.

L'autore dello studio ha interpellato un certo numero di docenti zurighesi ma anche diversi dipendenti comunali in modo da poter fare un paragone tra le varie categorie professionali.

Dall'inchiesta emerge che sugli insegnanti grava un carico a livello psicologico senza pari. Circa il 20-40% di essi affermano di sentirsi psicologicamente sotto pressione in maniera considerevole e uno su cinque ritiene che l'insegnamento influisca in maniera notevole sull'equilibrio tra la vita lavorativa e vita privata.

Tra i principali fattori di stress lo studio menziona soprattutto "allievi difficili", classi eterogenee, eccessivo lavoro amministrativo e la pressione a livello di tempo.

Malgrado di recente si sia iniziato a prendere coscienza della vera realtà lavorativa dei maestri, quella dei docenti continua ad essere considerata una categoria professionale "non problematica", deplora la DCH. Per questo motivo bisognerà condurre una campagna di sensibilizzazione all'indirizzo delle direzioni delle scuole, dei datori di lavoro e dei direttori dell'educazione pubblica.

Come primo provvedimento in questa direzione, l'associazione intende pubblicare in autunno il primo studio rappresentativo sul mestiere del maestro condotto a livello nazionale.

SDA-ATS