Navigation

Documenti di soggiorno: sì ai dati biometrici, no a registrazione

Questo contenuto è stato pubblicato il 15 gennaio 2010 - 15:26
(Keystone-ATS)

BERNA - I documenti di soggiorno per stranieri saranno muniti di dati biometrici, analogamente ai nuovi passaporti. Tuttavia, queste informazioni non dovrebbero essere registrate e conservate in una banca dati. È quanto ritiene la commissione delle istituzioni politiche del Consiglio nazionale che, con 16 voti contro 8, non ha voluto che la foto e le due impronte digitali, che figurano nel microchip del documento d'identità, siano conservate in uno schedario centralizzato.
Secondo un comunicato, per la maggioranza la registrazione dei dati biometrici non è necessaria. A influenzare la commissione sono state le lacune tecniche e i persistenti problemi di sicurezza. Invece, la minoranza sosterrà nel plenum la registrazione e conservazione dei dati biometrici.
La proposta della maggioranza della commissione rispecchia la decisione presa in novembre dal Nazionale, che aveva deciso di rinunciare alla registrazione centralizzata e obbligatoria dei dati biometrici contenuti nel nuovo passaporto, che sarà disponibile dal mese di marzo. I deputati hanno così risposto ai timori espressi in occasione della votazione popolare sui passaporti biometrici, accettati in maggio soltanto con una maggioranza risicata del 50,1% dei votanti.
Il Consiglio degli Stati deve ancora pronunciarsi sulla registrazione centralizzata dei dati biometrici del nuovo passaporto. Nel corso di un primo esame, la sua commissione, con 6 voti contro 3, propone di rinunciare a rivedere la legge sui documenti d'identità. Nel caso in cui il plenum rifiutasse di seguire il Nazionale, il progetto di abbandono della banca dati sarà affossato.
Il principio d'introdurre dati biometrici nei documenti di soggiorno per stranieri, che rientra nell'ambito dello sviluppo dell'acquis di Schengen, è stato accolto con 23 voti senza opposizione e 2 astenuti. Questo provvedimento mira a lottare contro l'immigrazione illegale e i soggiorni irregolari.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.