Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Torna in auge

(sda-ats)

Dopo quasi 30 anni la Sony Music torna a produrre vinili in proprio, aprirà una fabbrica in Giappone nel marzo 2018. La multinazionale aveva smesso la produzione casalinga del supporto nel 1989 dopo l'avvento dei cd.

La decisione è stata presa per tenere il passo alla crescente richiesta di vinili. Secondo i dati della Bpi, l'industria di settore inglese, nel 2016 le vendite di vinili hanno raggiunto i livelli di prima del 1991. Solo in Gran Bretagna sono aumentate del 53% per un totale di 3,2 milioni di unità.

All'inizio di quest'anno, scrive Billboard, la Sony Music ha installato un macchinario per tagliare i vinili nella sua filiale di Tokyo, possibile anticipo dei suoi piani futuri. Secondo le indiscrezioni, la prima ondata di vinili 'fatti in casa' dovrebbe riguardare principalmente musica giapponese.

I piani di Sony si aggiungono ad una serie di iniziative crescenti. Nel 2017 diverse nuove aziende che producono vinili sono nate negli Stati Uniti, da Detroit a Miami.

Stessa storia in Europa, dove la maggior parte delle aziende che stampano vinili per major ed etichette indipendenti sono nella Repubblica Ceca e in Olanda. Insieme, fa notare il Guardian, le fabbriche europee riescono a produrre 100mila pezzi al giorno, una cifra che non soddisfa più le richieste.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS