Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Commissione federale per le questioni femminili (CFQF) si impegna da quattro decenni per i diritti delle donne. Nonostante importanti traguardi raggiunti sul piano giuridico, la parità uomo-donna non è ancora stata raggiunta.

Gli stereotipi di ruolo stanno mutando, sottolinea la CFQF. Oggi si tratta di combattere le discriminazioni strutturali meno visibili, di superare l'inerzia istituzionale e di far adottare misure legislative per far progredire la parità di fatto come per esempio a livello di stipendi.

A 20 anni dall'entrata in vigore della legge sulla parità dei sessi (1996), non vi è ancora una equità salariale, critica la CFQF che chiede quindi di adottare misure per imporre il rispetto di questo diritto.

Altre richieste avanzate dalla CFQF sono: l'introduzione di un congedo parentale retribuito disciplinato per legge e più donne nelle posizioni dirigenziali della politica e dell'economia.

Inoltre la CFQF respinge la proposta di innalzare a 65 anni l'età di pensionamento delle donne. Un'uguaglianza formale tra i generi nell'età di pensionamento sarà giustificata solo quando le discriminazioni di fatto delle donne nell'economia e nelle assicurazioni sociali.

La presidente della Commissione Etiennette Verrey, dopo otto anni, dà le dimissioni a fine legislatura. La persona che le succederà sarà con ogni probabilità nominata dal Consiglio federale alla fine di novembre 2015.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS