Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Svizzera e Perù hanno firmato il 21 settembre a Lima una Convenzione per evitare le doppie imposizioni (CDI) di reddito e patrimonio. L'accordo contiene disposizioni sullo scambio di informazioni fiscali conformi al vigente standard internazionale dell'OCSE e rafforza la sicurezza del diritto per gli investitori svizzeri, scrive oggi il Dipartimento federale delle finanze in una nota.

Svizzera e Perù hanno convenuto che entrambi gli Stati possono riscuotere un'imposta alla fonte massima del 15% sull'ammontare lordo dei dividendi. Questa aliquota viene tuttavia ridotta al 10% se una società detiene una partecipazione di almeno il 10% del capitale della società che paga i dividendi.

Inoltre possono essere prelevate imposte alla fonte del 15% al massimo sugli interessi e del 10% sui mutui bancari. L'aliquota residua applicabile ai canoni è del 15%. È pure stata convenuta una clausola della nazione più favorita nel caso in cui il Perù accordasse aliquote residue inferiori a un altro Stato.

Per poter entrate in vigore, la CDI deve ancora essere approvata dai parlamenti di entrambi gli Stati.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS