Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La consigliera federale Doris Leuthard si è recata oggi per una visita di lavoro a Bruxelles, dove ha incontrato il commissario europeo per il clima e l'energia, Miguel Cañete, e la commissaria ai trasporti, Violeta Bulc. Con il primo ha discusso di una soluzione transitoria che, nell'ambito degli attuali negoziati concernenti l'accordo sull'energia elettrica tra Berna e Bruxelles, darebbe accesso alla Svizzera al mercato europeo a partire dal primo di luglio.

L'accordo, praticamente concluso, è stato "congelato" da Bruxelles in seguito all'accettazione dell'iniziativa popolare contro l'immigrazione di massa, il 9 febbraio del 2014.

Cañete ha illustrato le possibilità e le condizioni di una norma transitoria che consenta di porre in vigore l'intesa ancor prima di risolvere tutte le questioni istituzionali tra la Confederazione e l'Unione Europea. Così la Svizzera non sarebbe considerata come uno Stato terzo e potrebbe accedere al mercato europeo dell'elettricità.

Il commissario Cañete oggi ha aperto uno spiraglio per una soluzione ad interim, ma solo a strette condizioni, ha detto al termine dell'incontro la responsabile del Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC). La premessa per un accordo interinale è una soluzione alle questioni riguardanti gli aiuti statali e la giurisdizione di sorveglianza nel settore elettrico.

Entro giugno la Svizzera dovrebbe fornire proposte concrete. "Bruxelles mette enorme pressione sui tempi. Ma abbiamo deciso di trattare e nei prossimi mesi faremo tutto il possibile", ha aggiunto la Leuthard. Se la Commissione Europea accoglierà le offerte elvetiche, la Svizzera avrà in via transitoria lo statuto di membro del mercato elettrico dell'UE fino alla fine del 2016. Se poi nel frattempo le questioni istituzionali tra Berna e Bruxelles non saranno risolte, la Confederazione verrà di nuovo tagliata fuori dal business. Ciò significa che le società elettrice elvetiche avranno un accesso più difficile al mercato, con conseguente aumento dei costi.

Il punto centrale dell'integrazione nel mercato è il nuovo sistema di commercio, detto Market Coupling, dove la produzione di elettricità e la capacità di trasmissione vengono abbinate, e non più trattate separatamente. Ciò è ritenuta una miglioria che tendenzialmente dovrebbe abbassare i prezzi, perché produzione e rete vengono utilizzati in modo più efficiente.

Successivamente, la consigliera federale si è intrattenuta con Violeta Bulc, neo commissaria ai trasporti, con cui ha fatto il punto sui diversi dossier inerenti alla politica dei trasporti in Europa e in Svizzera, tra cui il corridoio ferroviario TEN-T con la NFTA e il risanamento della galleria autostradale del San Gottardo. La Bulc ha presentato le sue intenzioni in relazione al quarto pacchetto ferroviario e al cosiddetto pricing stradale.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS