Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BERNA - La presidente della Confederazione Doris Leuthard ha firmato oggi un piano di azione economico con la Russia in occasione del suo incontro a Soci con il presidente Dmitri Medvedev. L'accordo, di tre anni, mira a rafforzare la collaborazione economica tra i due paesi.
La firma è stata apposta dalla Leuthard e dalla ministra russa dell'economia Elvira Nabiullina nella località sulle rive del Mar Nero, ha comunicato il Dipartimento federale dell'economia (DFE), aggiungendo che un primo piano d'azione di tre anni scadrà a fine anno.
Grazie al nuovo documento, sarà rafforzata la collaborazione bilaterale a livello economico, commerciale, finanziario e degli investimenti. Nuovi elementi si inseriscono nell'accordo: la cooperazione nell'ambito del turismo, dell'energia e dell'aviazione civile come anche nella semplificazione delle formalità doganali.
I due paesi mirano anche a realizzare, il più presto possibile, una zona di libero scambio tra la Russia e l'Associazione europea di libero scambio (AELS). Di quest'ultima, oltre la Svizzera, sono membri la Norvegia, l'Islanda e il Liechtenstein. Da parte sua la Russia condivide una unione doganale con il Kazakhstan e la Bielorussia.
La tradizione di incontri annuali a livello ministeriale sarà mantenuta, viene aggiunto. Questi servono tra l'altro a stabilire relazioni commerciali tra le imprese dei due paesi.
Il nuovo piano d'azione si basa sull'accordo di cooperazione economica del 1994, sul piano d'azione concluso nel 2008 come anche su quanto stabilito lo scorso settembre in occasione della visita ufficiale del presidente Medvedev in Svizzera.
Gli scambi commerciali tra la Confederazione e la Russia sono quasi triplicati negli ultimi cinque anni. Il volume di scambi ha raggiunto i 2,8 miliardi di franchi nel 2009. La Russia è tra i mercati più dinamici per la Svizzera, scrive il DFE.
L'incontro di oggi tra Leuthard e Medvedev fa seguito all'invito da parte del presidente russo. Durante il colloquio sono state affrontate anche questioni finanziarie ed economiche di carattere internazionale, la prevenzione dei conflitti in Europa come anche le Olimpiadi invernali del 2014 a Soci.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS