Navigation

Doris Leuthard risponde alle critiche

Questo contenuto è stato pubblicato il 06 ottobre 2012 - 17:05
(Keystone-ATS)

La consigliera federale Doris Leuthard ha reagito alla critiche rivolte alla Strategia energetica 2050, nel corso di una manifestazione oggi a Regensdorf (ZH). Il cambiamento va avviato, "anche se non ne conosciamo ancora tutti i dettagli", ha affermato.

La politica energetica del governo, illustrata a fine settembre e che ha sollevato critiche tanto a destra quanto a sinistra, è un programma enorme da realizzarsi a tappe, ha spiegato la ministra. "Possiamo percorrere il cammino soltanto se lo facciamo insieme, mano nella mano".

UDC e PLR ritengono che le misure proposte siano illusorie e dannose per l'economia; i Verdi dubitano che le centrali nucleari possano davvero venir chiuse nel 2029; i socialisti vorrebbero che il ritmo del cambiamento subisse una accelerata.

L'intervento di Doris Leuthard è avvenuto nell'ambito della consegna del marchio "Città dell'energia" a Regensdorf, comune dell'agglomerazione zurighese. Si tratta della 300ma località che viene premiata per la propria politica energetica sostenibile e perché promuove le fonti rinnovabili, e utilizza in modo efficiente le risorse.

In passato la distinzione è toccata a Basilea, Ginevra, Friburgo, Losanna e varie località ticinesi (Bellinzona, Chiasso, Coldrerio, Locarno, Lumino, Melano, Mendrisio, Minusio)

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.