Navigation

Dossier perso nel 2014 su Crypto trovato nell'Archivio federale

L'Archivio federale ha ritrovato un dossier perso con atti di indagine sulla Crypto, l'azienda di Zugo comperata dai servizi segreti americani e tedeschi per spiare molti Stati. Archivio federale sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 18 febbraio 2020 - 20:55
(Keystone-ATS)

L'Archivio federale ha ritrovato un dossier perso dal 2014 con atti di indagine degli anni '90 della polizia federale sulla Crypto AG, l'azienda di Zugo verosimilmente usata per decenni dai servizi segreti americani e tedeschi per spiare oltre 100 Stati.

"Il dossier sottostà attualmente al termine di protezione", riferisce una nota odierna dello stesso Archivio federale. In essa scrive che il documento (E4268-06#2007/112#22* del 1995-1998) "dopo essere stato preso in prestito da una unità amministrativa è stato riconsegnato nel 2014 e riposto inavvertitamente in un altro dossier e quindi collocato al posto sbagliato". "Negli ultimi mesi l'Archivio federale ha esteso le ricerche con successo", aggiunge la fonte.

Nel 2014, il programma "Rundschau" della TV svizzero tedesca SRF voleva studiare questi documenti, riferisce oggi la trasmissione "Echo der Zeit". Ma la polizia federale ne aveva rifiutato l'accesso e aveva inviato l'incarto all'Archivio federale.

I documenti relativi all'indagine condotta negli anni '90 contro la Crypto rimangono tutt'ora in parte segreti. Ciò perché "vi si trovano ancora molti dati personali da proteggere", ha spiegato la settimana scorsa il vicecapo del Servizio informazioni della Confederazione (SIC) Jürg Bühler, che dirigeva le indagini all'epoca in cui era direttore della polizia federale. I fascicoli - ha aggiunto - contengono informazioni provenienti da servizi segreti stranieri, soggetti a tutela delle fonti, nonché verbali di commissioni parlamentari che per il momento non possono essere resi pubblici.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.