Navigation

Drastico calo di raccolta di miele nel 2019

Record negativo per la produzione di miele in Svizzera. KEYSTONE/LAURENT GILLIERON sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 29 ottobre 2019 - 14:57
(Keystone-ATS)

Record negativo per la produzione di miele nel 2019 in Svizzera. In media la resa è diminuita di oltre dieci chilogrammi per colonia. Fra le cause le condizioni meteo di maggio. Bene il Ticino e i Grigioni.

I timori per un calo della produzione di miele in Svizzera sono ora attestati dai dati: quest'anno la raccolta del prezioso nettare è risultata drasticamente inferiore ai livelli degli anni precedenti. È quanto emerso in un sondaggio di Apisuisse, l'organizzazione della comunità apicola svizzera, fra quasi 1'200 apicoltori.

In totale, la resa annua per colonia di api è scesa di oltre 10 kg attestandosi a 13 kg di miele, si legge in un comunicato odierno. La causa è da ricercare nel clima fresco e umido dello scorso maggio: il più freddo e umido sul versante nord delle Alpi negli ultimi 30 anni secondo Meteo Svizzera. Le condizioni sfavorevoli sono arrivate nel momento peggiore. Al caldo di marzo e aprile che ha permesso alle colonie di api di svilupparsi rapidamente, è infatti seguito un mese freddo nelle settimane notoriamente ricche di raccolto per le colonie dell'Altopiano. Le temperature fresche e la pioggia hanno impedito agli insetti di raccogliere abbastanza nettare con una produzione di miele praticamente inesistente in primavera.

Situazione un po' diversa in montagna sopra i mille metri di altitudine dove la fioritura primaverile non inizia prima di giugno. Apisuisse ha indicato che la raccolta di miele del 2019, ai minimi storici, ha comportato perdite stimate in decine di milioni di franchi per gli apicoltori.

Meglio nei Ticino e nei Grigioni

A livello cantonale il Ticino ha registrato le migliori raccolte, con circa 25 kg di miele per colonia. Nel confronto fra le regioni svizzere fra i primi quattro cantoni figurano pure i Grigioni con circa 22 kg di miele per colonia. In generale la Svizzera occidentale è andata meglio rispetto alla Svizzera orientale. Anno decisamente amaro per Appenzello e Liechtenstein.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.