Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell'ONU, il vertice sul clima di Parigi e, a livello nazionale, la cooperazione con gli Stati dell'Europa dell'Est sono le priorità dell'aiuto allo sviluppo svizzero per quest'anno. La Direzione dello sviluppo e della cooperazione (DSC) nel 2015 intende anche insistere sui programmi di formazione professionale e di lotta alla povertà soprattutto nei Paesi senza strutture statali.

In occasione della conferenza stampa annuale della DSC, oggi a Berna, il direttore Manuel Sager ha spiegato che fra le attività da mettere in primo piano c'è l'elaborazione degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (OSS), che dovranno sostituire a partire da quest'anno gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio e la cui votazione all'ONU avverrà in autunno.

Alla metà dell'anno c'è poi la conferenza delle Nazioni Unite che si terrà ad Addis Abeba per definire una strategia finanziaria per la prossima agenda di sviluppo. Alla fine del 2015 avrà invece luogo a Parigi il vertice sul clima per un nuovo trattato sugli obiettivi di riduzione delle emissioni di CO2. A livello di politica interna, ci sarà la presentazione alle Camere federali del messaggio relativo alla proroga della legge federale sulla cooperazione con gli Stati dell'Europa dell'Est, ha aggiunto Sager.

Secondo il direttore della DSC, grazie agli Obiettivi di Sviluppo del Millennio si sono fatti importanti progressi nella riduzione della povertà estrema, della fame cronica e del tasso di mortalità materna. Ma, oltre che in questi ambiti, c'è una grande necessità di intervento in seguito ai conflitti attuali. Essi hanno provocato 57 milioni di sfollati, il numero più alto dalla fine della Seconda Guerra Mondiale, ha precisato Sager.

E per far fronte alla violenza la DSC punta soprattutto sulla formazione professionale. La disoccupazione, in particolare quella giovanile, è infatti una delle cause principali del circolo vizioso di povertà, carenza di prospettive e violenza, ha sottolineato Manuel Sager. Nel 2015 si prevede che il numero di disoccupati a livello mondiale crescerà a 204 milioni, di cui oltre un terzo di età inferiore ai 25 anni. La DSC mira sia a migliorare le condizioni di vita delle singole persone, sia a creare un sistema di formazione professionale orientato alla domanda del mercato del lavoro.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS