Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Marthe Dalelv, la donna norvegese condannata a Dubai a 16 mesi di prigione per rapporti sessuali extra matrimoniali dopo aver denunciato di essere stata stuprata, è stata graziata oggi dalle autorità dell'emirato e autorizzata a rientrare nel suo Paese.

È stato graziato anche il suo datore di lavoro, contro il quale aveva sporto denuncia, che aveva avuto una pena di 13 mesi di carcere per consumo di alcol e rapporti sessuali consensuali. A darne notizia l'avvocato di Dalelv, Mahmoud Azab. Il legale ha anche spiegato che alla giovane, 24 anni, sono stati restituiti i documenti e che lascerà Dubai "il più presto possibile". Notizia confermata dall'ambasciata di Norvegia negli emirati.

Anche il violentatore della donna, un trentenne sudanese identificato come Hawari, ha recuperato il passaporto ed è stato rimesso in libertà. Il caso di Marthe aveva suscitato un'ondata di indignazione in Norvegia, di cui si era fatto portavoce il ministro degli Esteri di Oslo Kathrine Raadim.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS