Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Lo specialista basilese del commercio esentasse Dufry ha registrato nel primo semestre 2016 un giro d'affari in crescita del 62% a 3,61 miliardi di franchi grazie all'integrazione di World Duty Free (WDF).

A causa di maggiori ammortamenti ha segnato tuttavia una perdita di 75 milioni contro i -25 milioni dello stesso periodo di un anno fa.

L'utile a livello di EBITDA è aumentato dell'11% a 381,3 milioni di franchi. La crescita organica ha segnato una contrazione dell'1,6% sulla base di cifre proforma, tenendo conto di WDF, ha comunicato oggi Dufry.

I risultati soddisfano solo in parte e al limite le previsioni degli analisti dell'agenzia Awp. Questi si attendevano un fatturato di 3,64 miliardi di franchi, un EBITDA di 379,8 milioni e una perdita di 73,6 milioni.

La fiducia dei consumatori resta sempre debole, indica Dufry. La crescita organica ha sofferto in particolare in Turchia a causa del calo del numero di passeggeri russi. Hanno pure pesato il deprezzamento del real brasiliano e del peso argentino.

Per l'insieme d'esercizio Dufry ritiene che alcuni mercati resteranno volatili, ma se i tassi di cambio permangono stabili, la direzione si attende una migliore performance nel secondo semestre, viene sottolineato.

L'integrazione di WDF deve permettere sinergie di 100 milioni di euro: il processo deve essere concluso al più tardi a metà 2017.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS