Navigation

EasyJet: presenza in Svizzera non a rischio

Nonostante il piano di ristrutturazione all'orizzonte, easyJet rassicura sulle sue attività in Svizzera. KEYSTONE/EPA/ANDY RAIN sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 01 luglio 2020 - 16:30
(Keystone-ATS)

EasyJet non mette in discussione la sua presenza in Svizzera. La compagnia low-cost britannica intende sopprimere 700 posti di lavoro fra i piloti e chiudere tre sue basi nel Regno Unito nell'ambito di un vasto piano di ristrutturazione.

"È ancora troppo presto per commentare nel dettaglio l'impatto dei negoziati appena iniziati nel Regno Unito e in Germania", ha affermato all'agenzia finanziaria AWP un portavoce di EasyJet, dopo aver rassicurato sulla situazione nella Confederazione. L'azienda in Svizzera impiega a Ginevra e Basilea un migliaio di persone.

L'addetto stampa ha precisato che EasyJet si trova in fase di ripresa dal 15 giugno e "prevede di proporre il 30% della sua rete di destinazioni a luglio e fino al 75% in agosto". Oltremanica, la compagnia aerea ha avviato le consultazioni con i sindacati, dopo aver annunciato la volontà di tagliare 4500 impieghi, ovvero quasi un terzo dei suoi effettivi.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.