Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

In Sierra Leone, uno degli Stati africani più colpiti da Ebola, la popolazione dovrà rimanere in casa per quattro giorni, dal 18 al 21 settembre, per impedire il diffondersi dei contagi. Lo riferiscono la Bbc e il Guardian online citando una fonte di alto livello dell'ufficio presidenziale

La Bbc esprime però un certo scetticismo sulla misura annunciata. "Anche se le forze di sicurezza del Paese sono già state dispiegate per mettere in quarantena alcune zone, non è chiaro come un blocco nazionale possa essere eseguito", - scrive l'emittente sul suo sito. "Come la popolazione obbedirà alla quarantena sarà fondamentale per la riuscita dell'operazione. perché l'obbligo di residenza rischia di sollevare questioni relative ai diritti umani oltre a innescare manifestazioni violente".

La Sierra Leone non è nuova ad iniziative di questo tipo: già alla fine di luglio, infatti, il governo aveva proclamato lo "Stay at home day", la "giornata della permanenza a casa", per impedire la diffusione del virus Ebola. Nel frattempo, invece, in Nigeria, un altro dei Paesi colpiti anche se finora in modo più limitato, è stata presa una decisione di segno opposto: dal 22 settembre riapriranno le scuole, chiuse per precauzione al fine di ridurre i contagi.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS