Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Sono oltre 10 mila le persone attualmente sopravvissute al virus Ebola, molte delle quali patiscono ancora diversi problemi di salute, anche mentali. A segnalarlo è l'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) sul suo sito.

Il virus infatti dopo la guarigione può rimanere per diversi mesi nei fluidi corporei, come sperma, liquido amniotico, latte materno, la placenta, e anche negli occhi e nel sistema nervoso centrale. Per questo, rileva l'Oms, serve un supporto completo ai sopravvissuti, che gli garantisca assistenza medica e psicologica, anche per minimizzare il rischio di trasmissione del virus.

A tal fine l'Oms ha pubblicato una guida, rivolta agli operatori e strutture sanitarie, in cui indica i passi per assicurare cure di qualità ai sopravvissuti ad Ebola, spiegando ad esempio quali sono le complicazioni e le conseguenze più comuni, che tipo di gestione clinica offrire, come monitorare la presenza del virus con i test e come comunicare il rischio.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS