Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

"Molte migliaia di nuovi casi di Ebola sono attesi in Liberia nelle prossime tre settimane". Lo afferma l'Organizzazione mondiale della sanità nel suo ultimo report, sottolineando la necessità che i Paesi partner si preparino ad un "aumento esponenziale" dei casi di Ebola nei Paesi dove è attualmente intensa la trasmissione del virus.

Gli interventi convenzionali per il controllo dell'epidemia di Ebola, avverte l'Oms, "non stanno avendo un impatto adeguato in Liberia, sebbene sembra si stiano dimostrando efficaci in altre aree dove la diffusione del virus è limitata, come Nigeria, Senegal e Congo".

L'Oms afferma dunque la necessità di maggiori aiuti internazionali: "I Paesi che stanno attualmente supportando la risposta contro Ebola in Liberia e altrove - avverte l'Organizzazione mondiale della sanità - devono prepararsi ad intensificare i loro attuali sforzi di 3-4 volte".

Nella capitale Monrovia, sottolinea ancora l'Oms, "taxi stipati di intere famiglie, con membri che si pensano essere stati infettati dal virus Ebola, attraversano la città alla ricerca di un letto per il ricovero. Ma non ci sono posti liberi.

Lo staff Oms in Liberia conferma che nessun letto libero per il ricovero e trattamento di Ebola è ormai disponibile nel Paese". Proprio tali mezzi ed i taxi in particolare rappresentano dunque un "potenziale mezzo di trasmissione del virus". Un'altra necessità urgente, sottolinea l'Oms, è inoltre trovare un tetto ai tanti orfani a causa dell'epidemia. La Liberia registra attualmente il più alto numero di casi e decessi: ad oggi si registrano, infatti, circa 2.000 casi ed oltre 1.000 morti.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS