Salgono a due le persone morte in Uganda a causa del virus Ebola. L'ultimo decesso è quello di una donna di 50 anni, nonna del bimbo di 5 anni, morto due giorni fa. Mentre il terzo contagiato è il fratellino, di 3 anni, della prima vittima.

A renderlo noto è l'Organizzazione Mondiale della Sanitò (Oms) che terrà oggi un incontro per decidere se annunciare un'emergenza sanitaria pubblica internazionale.

I due bambini e la nonna, si apprende dal portale web delle Nazioni Unite, nei giorni precedenti erano stati nella Repubblica Democratica del Congo - dove è in corso una epidemia di Ebola da agosto scorso che ha già fatto 1.400 vittime - per assistere a un funerale.

La famiglia era poi tornata in Uganda attraverso il confine di Bwera, cercando aiuto all'ospedale di Kagando perché il bimbo di 5 anni riportava i sintomi tipici di Ebola, inclusi vomito e diarrea sanguinolenta. Un quarto caso sospetto - un uomo di 23 anni - è anch'esso in attesa di conferma di laboratorio e finora sono stati identificati circa 27 contatti delle vittime.

"Dobbiamo fare tutto il possibile per fermare questa epidemia e impedire altre morti inutili", ha affermato il rappresentante dell'Unicef in Uganda, Doreen Mulenga. "La consapevolezza - ha aggiunto - è il modo migliore per prevenire la diffusione di questo virus".

Con questo obiettivo in Uganda l'Unicef ha già fatto circa 350.000 visite familiari per condividere informazioni sulla malattia e 14.000 incontri pubblici sono stati organizzati presso scuole, chiese, moschee, mercati, raggiungendo circa 2,4 milioni di persone.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.