Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il virus dell'ebola può rimanere in agguato nel fluido oculare per 10 settimane quando non è più individuabile nel sangue del paziente. È il risultato di una ricerca della Flinders University di Adelaide in Australia.

I ricercatori hanno studiato le condizioni del sopravvissuto all'ebola dott. Ian Crozier, uno specialista di malattie infettive che contrasse la malattia mentre trattava pazienti in Sierra Leone lo scorso agosto. Crozier è sopravvissuto dopo aver ricevuto trattamento in Usa; è stato dichiarato libero dal virus nel sangue, ma dopo due mesi il fluido oculare è risultato positivo all'ebola.

La scoperta del virus nel fluido limpido nell'occhio, fra la lente e la cornea, può avere forti implicazioni per chi ha sopravvissuto all'ebola e per il personale medico-sanitario che lo ha trattato, scrive la ricercatrice di oftalmologia Justine Smith sul New England Journal of Medicine. "Vi è la possibilità che le persone che sopravvivono all'ebola, forse anche metà di esse, possano poi contrarre gravi infiammazioni all'occhio", aggiunge.

Secondo la studiosa, una grave infiammazione agli occhi può danneggiare molti tessuti delicati e causare cataratte, glaucoma o gonfiore della retina, danneggiando la vista anche irreversibilmente. "Sappiamo che vi sono meccanismi nell'occhio che limitano l'infiammazione bloccando l'azione immunitaria. Di conseguenza i patogeni come i virus possono persistere nell'occhio senza essere attaccati dal sistema immunitario, come avverrebbe in altre parti del corpo", spiega la studiosa.

Si tratterà ora di stabilire perché il virus dell'ebola persiste nel fluido oculare, ma i ricercatori assicurano che non potrebbe essere trasmesso ad altre persone. Il rischio di esposizione al virus può esistere però in situazioni come la chirurgia oculare, per i presenti in sala operatoria.

Secondo Smith i sopravvissuti all'ebola dovrebbero essere monitorati per individuare possibili effetti collaterali di lungo termine. La scoperta tuttavia aiuterà a sviluppare futuri trattamenti per la letale malattia. "Se comprendiamo che un virus o un batterio causa una malattia, saremo un passo avanti nello sviluppo di un trattamento per combatterlo", sostiene.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS