Navigation

Effetto Edouard Philippe, decolla popolarità premier

L'epidemia sembra aver giovato alla popolarità del premier francese. KEYSTONE/EPA/GONZALO FUENTES / POOL sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 04 giugno 2020 - 18:35
(Keystone-ATS)

Sulla crisi del coronavirus arriva l'effetto Edouard Philippe: il premier francese, dallo stile sobrio e poco incline a proclami altisonanti, sbanca nei sondaggi degli ultimi tre mesi.

E, di fronte alle ipotesi sempre più ricorrenti di un rimpasto di governo, i cittadini si dicono favorevoli a patto che il premier resti al suo posto.

Philippe ha convinto proprio nel momento più difficile della crisi, quando ha dovuto gestire gli obiettivi e le scadenze imposte da Emmanuel Macron e, al tempo stesso, far fronte alle polemiche sulla penuria di mascherine e la crisi degli ospedali.

Secondo un sondaggio Ifop, il 53% dei francesi approva l'azione e lo stile di Philippe, che in tre mesi di crisi ha guadagnato 17 punti di popolarità. Nello stesso periodo, la quota di popolarità di Macron si è stabilizzata al 40%.

L'ipotesi di un rimpasto ha preso forma quando Macron ha cominciato a parlare di nuova fase della sua presidenza, gli ultimi due anni di mandato che spera di poter vivere senza dover gestire emergenze come il terrorismo, i gilet gialli o la pandemia. In questo caso, nel governo sono aumentate le quotazioni dei due ministri "economici", Bruno Le Maire e Gerald Darmanin.

Solidamente ancorato alle sue origini della destra neogollista, Philippe - in alcuni casi apparso rigido, tecnocratico e conservatore - ha conquistato l'opinione pubblica grazie al realismo. Una comunicazione agli antipodi di quella creativa, piena di riferimenti storici e costantemente ambiziosa di Macron.

Un sondaggio Odoxa pubblicato oggi mette per il momento al riparo Philippe da brutte sorprese: il 64% degli intervistati è favorevole a un rimpasto per dare un impulso nuovo alla politica del governo, ma il 65% pretende che alla guida dell'esecutivo ci sia sempre Edouard Philippe.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.