Navigation

EFG smentisce ipotesi fusione con Julius Bär, non stiamo trattando

Non siamo in trattative, dice EFG. KEYSTONE/TI-PRESS/GABRIELE PUTZU sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 16 dicembre 2019 - 10:14
(Keystone-ATS)

EFG International smentisce l'ipotesi di una fusione con Julius Bär: non sono in corso negoziati in tal senso, ha fatto sapere il gruppo bancario zurighese che tre anni or sono ha inglobato la luganese BSI. L'annuncio è stato accolto con delusione dalla borsa.

La società respinge "le speculazioni riguardanti una presunta acquisizione di EFG International da parte di Julius Bär", si legge in un comunicato diffuso venerdì sera. "I diversi articoli pubblicati di recente dai media sull'argomento sono falsi, infondati e fuorvianti", aggiunge l'impresa. "Non sono in corso trattative". EFG continuerà a concentrarsi sulla sua strategia di crescita.

A rilanciare la notizia di un possibile avvicinamento era stato il portale online Inside Paradeplatz. Per gli analisti della Banca cantonale di Zurigo la smentita di EFG non è da accogliere con stupore.

Le ultime novità hanno però intanto scontentato gli investitori: in borsa nella prima ora di contrattazioni il titolo EFG scendeva di circa il 7%, perdendo in pratica quanto guadagnato nella giornata di venerdì. Dall'inizio dell'anno la performance rimane peraltro positiva, pari a circa il +10%. Va comunque osservato che l'azione è attualmente scambiata a circa 6,50 franchi, conto gli oltre 60 franchi del 2007, prima crisi finanziaria.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.