Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

È di 9 persone uccise e di 86 feriti il bilancio delle violenze tra pro e anti Morsi riesplose da ieri al Cairo e in una località a nord della capitale Kalubyia. Lo riferisce il ministero egiziano della sanità.

Le manifestazioni si tengono quotidianamente nella capitale egiziana, segnata da momenti di tensione tra sostenitori e oppositori del governo di Hazem el Beblawi. Ieri era stata la famiglia di Morsi ad accusare l'esercito di aver "sequestrato" l'ex presidente.

"Stiamo per prendere -ha spiegato la figlia Shaimaa- misure legali sul piano locale e internazionale contro Abdel Fattah al Sisi", il capo dell'esercito, e oggi ministro della Difesa, regista del colpo di Stato che ha messo fine alla presenza dei Fratelli Musulmani ai vertici delle istituzioni.

"Non abbiamo notizie di lui dal 3 luglio", ha aggiunto il figlio dell'ex capo di Stato, Osama, nel corso di una conferenza stampa. Mohamed Morsi si trova in una località sconosciuta. Germania e AStati Uniti hanno lanciato appelli al cairo affinchè venga rilasciato mentre l'Unione Europea ha affermato che oltre a lui "vanno liberarti tutti i detenuti politici. Il governo egiziano in carica si è limitato a replicare assicurando che Morsi si trova in "un luogo sicuro".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS