Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

È scattato all'alba l'annunciato sgombero dalle piazze del Cairo, Rabaa e Nahda, dei sostenitori del deposto presidente Mohamed Morsi da parte delle forze di sicurezza egiziane, con il temuto bagno di sangue.

È guerra di cifre sul bilancio delle vittime dell'operazione con gas lacrimogeni e colpi d'arma da fuoco: i Fratelli musulmani parlano di oltre 250 morti e migliaia di feriti, mentre il ministero della salute sostiene che le vittime sono 7 e un'ottantina i feriti. Il ministero dell'Interno ha inoltre annunciato la morte di due membri delle forze di sicurezza. L'agenzia France Presse dal canto suo ha contato 43 cadaveri, tutti uomini, e molti feriti da colpi d'arma da fuoco.

Secondo il ministero dell'Interno una delle due piazze, Nahda la più piccola, è tornata sotto controllo, mentre a Rabaa sono stati chiusi con blindati e tank tutti gli accessi.

Il governo ha bloccato la circolazione dei treni per evitare manifestazioni al di fuori dalla capitale, ma le proteste si sono già allargate ad Alessandria e in altre località dell'Egitto, a Minya e Assiut.

Sostenitori di Morsi hanno dato alle fiamme una chiesa copta a Sohag nel centro dell'Egitto, in segno di rappresaglia. Nel governatorato di Fayoum nell'alto Egitto, a 80 km a sud del Cairo, i partigiani di Morsi hanno dato fuoco ad una associazione caritatevole copta oltre che a diversi commissariati di polizia provocando un gran numero di feriti.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS