Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

I Fratelli Musulmani sono pronti a partecipare a colloqui sulla crisi politica in Egitto, a patto che siano condotti nei giusti termini. Lo ha detto all'agenzia di stampa Reuters il loro portavoce Gehad El-Haddad.

I colloqui, ha detto El-Haddad, devono basarsi sul "ripristino della legittimità costituzionale". Il portavoce ha anche aggiunto che i Fratelli Musulmani non sono disposti ad accettare la mediazione del gran imam di al-Azhar, Ahmed el-Tayeb, visto che ha dato il suo appoggio all'esercito contro il presidente Mohamed Morsi (ora agli arresti), ma che vi sono stati contatti con altre autorità di al-Azhar. Quest'ultima è la più importante istituzione teologica musulmana sunnita.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS