Navigation

Egitto: Mubarak di nuovo in barella in aula, fuori scontri

Questo contenuto è stato pubblicato il 15 agosto 2011 - 18:47
(Keystone-ATS)

È arrivato in aula di nuovo in barella, alla seconda udienza, subito rinviata, del processo a suo carico apertosi il 3 agosto, l'ex presidente egiziano Hosni Mubarak. Accusato della morte di 850 manifestanti nelle proteste che hanno portato alla sua caduta l'11 febbraio, e di corruzione.

Questa volta la folla radunatasi fuori dall'Accademia di polizia sede del tribunale, nel quartiere di El Tagamu el Khamis, periferia di New Cairo nel mezzo del deserto, si è dovuta accontentare di vedere l'elicottero dell'ex rais sul megaschermo piazzato all'ingresso. E dalla prossima udienza non potranno vedere neppure le immagini in tv: dal 5 settembre, data in cui è stata fissata la prossima seduta, il giudice ha infatti vietato le telecamere in aula.

Mubarak, trasportato nella gabbia dentro l'aula bunker coi due figli Gamal e Alaa, è apparso in abiti civili e con una cannula inserita nel braccio. Fuori ad attenderlo c'erano qualche centinaio di manifestanti: da un lato del piazzale gli artefici della rivoluzione del 25 gennaio, tra cui alcuni parenti delle vittime di piazza Tahrir che chiedevano giustizia, agitando manifesti denigratori e un simbolico cappio.

L'ex rais, che nega ogni accusa, se condannato rischia la pena di morte. È il primo leader arabo a finire alla sbarra dall'inizio delle rivolte in Medio Oriente. Dall'altro lato - separati dai primi da un ampio cuscinetto di polizia e forze di sicurezza - un numero un po' più nutrito di fan dell'ex presidente, tra cui molte donne, con indosso identiche magliette bianche con scritte a suo sostegno "Sono egiziano e Mubarak è un grande leader", sventolavano ritratti del leader deposto.

Ancora prima dell'apertura del procedimento è scoppiata una sassaiola tra i due gruppi. La polizia è intervenuta cercando di dividerli.

L'apparizione dell'ex rais è stata salutata dai suoi oppositori al grido di "Ladro! Che lo impicchino!". Oltre le transenne, alcune giovani velate cantavano "Il popolo vuole libertà per il presidente".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?