Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

IL CAIRO - Dopo la strage della notte di Natale a Nagaa Hamady, dove otto cristiani sono stati uccisi da colpi sparati da una vettura, scontri tra cristiani e musulmani si sono accesi in due villaggi vicini, con l'incendio di case e negozi di entrambe le comunità. Una donna ha perso la vita, hanno reso noto fonti di sicurezza.
Sei persone tra cristiani e musulmani, riferisce la Reuters citando fonti di sicurezza, sono rimaste ferite. I villaggi sono quelli di Tiraks e al Bahgorah. La polizia avrebbe raccolto una cinquantina di testimonianze secondo cui gli incendi sarebbero stati appiccati sia da musulmani che da cristiani.
Per l'episodio della notte del Natale copto sono già stati arrestati tre musulmani, che secondo la polizia hanno una lontana parentela con la ragazzina che sarebbe stata violentata da un giovane cristiano circa un mese prima. Dopo quell'incidente si erano verificati altri scontri come quelli di oggi, con vari edifici di cristiani danneggiati.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS