Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Egitto: tribunale, stop attività Fratelli Musulmani

Un tribunale del Cairo ha accolto il ricorso per interdire l'attività della Confraternita, stabilendo la confisca dei beni e la chiusura di tutte le sedi dei Fratelli musulmani. La sentenza è di primo grado.

Il ricorso contro la Fratellanza è stato presentato da un partito di sinistra egiziano, el Tagammoe, che ha accusato la Confraternita di stoccare armi nei suoi uffici e di essere impegnata in attività illegali.

Già in passato la Fratellanza era stata oggetto di ricorsi, che nel tentativo di vietarne le attività, sostenevano che non rispondesse ai requisiti della legge sulle ong. Per questo nel marzo di quest'anno, quando Mohamed Morsi era ancora presidente, la confraternita ha ottenuto lo status di associazione.

La Fratellanza musulmana è stata fondata nel 1928 e ufficialmente bandita dall'allora presidente Gamal Abdel Nasser nel 1954. Rimasta un'organizzazione clandestina, la sua attività era però tollerata nel trentennio di Hosni Mubarak, durante il quale arrivarono in Parlamento come deputati indipendenti vari esponenti della Confraternita.

Il deposto presidente Mohamed Morsi era uno dei massimi esponenti della Fratellanza e del suo braccio politico, Giustizia e Libertà.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.