Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

13 condanne a morte in Egitto per l'uccisione di Nabil Farrag.

KEYSTONE/AP/HASSAN AMMAR

(sda-ats)

La Corte d'Assise di Giza ha condannato a morte 13 sostenitori dei Fratelli musulmani con l'accusa di avere ucciso il numero due della sicurezza di Giza, il general maggiore di polizia Nabil Farrag e di avere tentato di assassinare altri ufficiali.

I fatti risalgono a fine settembre 2013 a Kerdassa (o Kirdasah), un quartiere all'estrema periferia a sud del Cairo - considerato roccaforte della Fratellanza - circa un mese dopo la dispersione dei sit-in organizzati dai sostenitori del deposto presidente islamista Mohamed Morsi a Rabaa e Al-Adawiya. Tra le altre accuse nei loro confronti anche quella di terrorismo.

Il gruppo dei 13 era già stato condannato dalla Corte d'Assise di un'altra circoscrizione: le pene erano state 7 condanne a morte e sei all'ergastolo, ma i legali della difesa avevano presentato ricorso in Cassazione. L'Alta Corte aveva ordinato un nuovo processo e dopo una ventina di udienze il tribunale di Giza ha emesso il verdetto di condanna.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS