Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Al bando in Egitto il 'Campionato mondiale di Shishà (il narghilé eziano). Il Cairo ha vietato il campionato, sostenendo che la sua organizzazione violerebbe la Convenzione quadro dell'Organizzazione mondiale della Sanità per la lotta al tabagismo che l'Egitto ha sottoscritto.

Per il ministro egiziano della Salute, Adel Adawi, si tratterebbe di una "palese violazione" dell'accordo.

Il Campionato era in programma per questi giorni al Cairo e il ministro, in dichiarazioni alla tv di Stato, ha assicurato che sono state adottate "misure legali contro gli organizzatori".

Secondo uno studio dell'Oms, fumare la shisha, una pipa ad acqua, per 20-80 minuti significa inalare l'equivalente di 100 sigarette.

SDA-ATS