Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Swissolar e WWF intendono rendere più cara l'elettricità che le due organizzazioni definiscono "sporca", vale a dire quella prodotta con il nucleare, il gas o il carbone: queste fonti verrebbero colpite con una tassa di 10 centesimi al kilowattora, ciò che permetterebbe di raccogliere da 1,1 a 1,8 miliardi di franchi all'anno.

Il denaro andrebbe poi investito nella riduzione di altre imposte, per esempio per promuovere le energie alternative, si legge in un comunicato odierno. Stando a uno studio commissionato alla società di consulenza Infras il balzello avrebbe effetti positivi. Per introdurlo è quindi stata lanciata una petizione.

Secondo Swissolar e WWF la collettività oggi paga due volte: una prima per favorire le energie alternative, una seconda - e molto di più - per i costi non coperti della produzione di "elettricità sporca". Questa è oggi è buon mercato, perché a pagare i costi esterni sono altri, afferma Thomas Vellacott, CEO di WWF Svizzera, citato nella nota. La conseguenza: una distorsione del mercato, che non dà chance a fonti energetiche che le due organizzazioni considerano migliori.

"Gli svizzeri vogliono elettricità pulita: non vogliono sostituire semplicemente l'energia nucleare con elettricità sporca proveniente dall'estero", afferma nel comunicato Roger Nordmann, consigliere nazionale (PS/VD) e presidente di Swissolar. La tassa - per un consumo annuo di 3000 kWh si tratterebbe di 300 franchi all'anno - costituirebbe quindi un importante tassello della svolta energetica e una misura accompagnatoria decisiva nell'ambito dell'apertura completa del mercato elettrico.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS